Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

DALLE RETI DA PESCA UN PROGETTO DI RICICLO DEL NYLON

(Fonte: Rivista dell’Ordine Nazionale Biologi Italiani)
 
CalzeIl riciclo parte dal mare e arriva ai nostri piedi con calze, tappeti e costumi da bagno……
Dalle reti da pesca recuperate si otterrà nylon, che servirà per produrre oltre che a capi di abbigliamento, anche arredi per la casa.
Grazie al progetto “DeFishGear” finanziato dall’ambito dell’IPA Adriatico, programma dell’UE per la cooperazione trans-frontaliera, si vuole portare a compimento l’integrazione fra paesi Ue e non Ue in quell’area.
In Italia, la raccolta inizierà dai porti di Ancona e Molfetta con la collaborazione di sub, pescatori, amministrazioni locali ed industrie impegnate nel riciclo.
Le prime azioni mirano alla rimozione dei rifiuti solidi giacenti sul fondo del mare o in superficie, i quali rappresentano una minaccia per gli organismi marini.
Le attività previste saranno quattro:
1.raccolta in mare
2. sbarco;
3. censimento dei rifiuti;
4. smaltimento.
I materiali raccolti saranno depositati a bordo in contenitori forniti dal progetto.
Una volta a terra, sulla banchina saranno predisposti dei punti attrezzati, dove verranno collocati i cassoni, in cui gli operatori svuoteranno i contenitori di raccolta.
Per le reti, ancora troppo spesso inviate alle discariche o semplicemente bruciate, ci sarà la rigenerazione in filo “Econyl”, materia prima utilizzata per ri-creare prodotti nuovi in uno stabilimento di Lubiana, in Slovenia.
L’obiettivo conoscitivo del progetto sarà quello di determinare, in maniera più precisa possibile, la presenza delle reti perse nell’Adriatico.
I tre soci che portano avanti il progetto “DeFishGear” sono “Aquafil (azienda italiana produttrice di fibre sintetiche), “Ecnc Group” (Centro di competenze Europeo per la biodiversità e la sostenibilità) e “Star Sock” (società olandese leader nello sviluppo e produzione di calze).
Il progetto ha alle spalle un investimento di 20 milioni di euro in ricerca e sviluppo oltre che collaborazioni con le Università di Trento, Lubiana, Maribor e Atlanta.
A Rotterdam, attraverso l’Econyl Regeneretion System, si produce il polimero di Nylon 6 a partire da rifiuti pre-consumo, generati dal ciclo produttivo di nylon6 e rifiuti post-consumo, cioè prodotti finiti composti in tutto o in parte da poliammide 6 e giunti a fine vita, quindi oltre alle reti anche Fluff (parte superiore di tappeti e moquette) e tessuti rigidi.

Primeco S.R.L.

SEDE LEGALE
Via Verdi Traversa 1 - n° 2
(Coop. Donna Matilde)
81047 - Macerta Campania (CE)
CF/PI 02892590619
 
SEDE OPERATIVA
Via Gramsci n° 5
81055 - S. Maria C.V. (CE)
Tel. 0823 694386
 
 

Ultime Notizie

30 Ottobre 2017
22 Luglio 2017
12 Luglio 2017

I nostri Partners

©2017 Primeco s.r.l.. - CF/PI 02892590619 - Tutti i diritti riservati

Search

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a consultare Primeco.srl, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie Approfondisci